mercoledì 19 dicembre 2012

Ma il secondo?

Se un giorno leggerete sui giornali di una tizia che ha preso a testate qualcuno in preda ad un raptus di follia, sappatielo: sono io.

Io che, alla ventesima persona al giorno che mi rivolge quella domanda lì, perdo ogni freno inibitorio e finalmente do sfogo ai miei più animaleschi istinti.

Quale domanda? Semplice, quella che, da tre anni e mezzo a questa parte, mi sento rivolgere da chiunque e che suona così: "ma quando lo fai il secondo figlio?".

Sia chiaro, questo  post non è indirizzato ad amici e diretti conoscenti, ma a tutti quei pincopalli che mi conoscono a malapena e per di più, alle mie risposte evasive, insistono sfoderando teorie astruse sul perchè fare figli è bello e che mi spingono a  sentirmi legittimata a scoppiare e magari fargli pure un po' male.

Quello che mi diverte (si fa per dire) è vedere con quanto cuore e convinzione 'sta gente tiri fuori teorie, per me del tutto personali e soggettive, sul perchè avere fratelli/sorelle sia oggettivamente così fondamentale.

I dialoghi che mi vedono mio malgrado protagonista suonano, più o meno, così:

- E tu, al secondo, non ci pensi?
- No, al momento no.
- E perchè, non ti senti pronta?
- Nel pensiero: Bhè, magari no. O forse non lo sarò mai, ma non lo devo venire a raccontare a te. Nella realtà: Bah, non so...
- Eh, ma se sei insicura il tempo passa e poi finisci che LO LASCI SOLO!
- E quindi?
- Come quindi? Ma che non li vedi i figli unici, non ti è mai capitato di incontrarli? Tutti viziati, stronzi e TRISTI!
- Veramente io sono figlia unica...
- Ah, vabbè, ma tu sei diversa, tu sei fortunata... Però dico, ma non ti è mai mancato un fratello o una sorella?
- No.
- Mai?
- Mai.
- Sì, vabbè, lo dici adesso mai poi quando magari i tuoi si faranno vecchi...
- Sì, lo so. Sarà dura. Però conosco tanta gente che ha fratelli e che si ritrova comunque sola ad affrontare la vecchiaia dei genitori...
In questo modo li zittisco ed ogni volta, ogni maledetta volta, finisco per sentirmi come nuda, svuotata, violata in faccende così serie, profonde e per me così intime che mi da un fastidio cane condividere con chi non sa e non gli importa davvero chi io sia.

Io non so cosa mi riserverà la vita, però so che non potrò mai tacciare i miei genitori di egoismo per "avermi lasciato sola". Sono stata una figlia amata, coccolata, voluta. Sicuramente anche viziata, ma non più di altri. Ho avuto la fortuna di potermi SCEGLIERE il resto della famiglia che non ho avuto il privilegio di trovarmi di default. I miei fratelli sono stati i miei amici, le mie sorelle hanno avuto le sembianze di compagne di vita e cugine e no, sola non mi ci sono mai sentita.
Non so se mio figlio avrà mai un fratello o una sorella, ma comunque andrà io volevo dirvi una cosa: essere e mettere al mondo figli unici è LEGALE.



12 commenti:

  1. Non ho mai capito perché la gente cerca di inserirsi con insistenza nella nostra vita privata...a me è successa la stessa cosa prima di laurearmi e succede ancora oggi quando mi chiedono perché non sono fidanzata.
    Ahhhhh che palle! ;-)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Michi, che gioia trovarti qui!
      Grazie per essere passata (ti seguo anche via twitter, oramai :))
      Guarda, io non lo so perchè lo faccia, o forse lo so pure, ma non è tanto quello il punto, ma L'INSISTENZA! Un giorno sbroccherò di brutto, già lo so...
      Bacio!

      Elimina
  2. la gente i caxxi suoi, MAI! Fai bene a dare risposte vaghe :**

    ad ogni modo io amo mio fratello più di ogni altra cosa e persona al mondo e ringrazierò sempre mia madre per questo dono così speciale.
    Io mi sarei sentita molto sola ma...solo perché di amici ne ho avuti sempre pochi.

    emy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emy, quello che mi scrivi è bellissimo.
      Io purtroppo non conosco l'amore fraterno, quello vero. Lo provo verso certi amici, nel senso che sento per loro un affetto unico, PURO, scevro da ogni doppio fine, ma credo che avere qualcuno che è cresciuto con te, che magari ti ha coperto le prime seghe a scuola e che SA chi sei perchè ha il tuo stesso sangue, sia tutta un'altra roba. E' un dono meraviglioso, un miracolo della vita. Fai bene a ringraziare tua mamma per averti reso così fortunata. Io, come detto, sono figlia unica ma mi sento di ringraziare i miei lo stesso. Perchè hanno seguito il loro cuore e mi hanno reso una figlia unica felice piuttosto che una sorella triste.
      Ti abbraccio fortissimo!!!

      Elimina
    2. certo che devi ringraziarli, sei bella dentro e fuori :) meglio di così...

      ci siamo 'coperti' a vicenda per anni e oggi lo facciamo anche a distanza eheh è lui quello che vedi nella foto con Giulietta!

      Elimina
    3. E' davvero un ragazzo carino, sa di "buono" come te.
      Soprattutto trapela il vostro affetto, la vostra complicità. Che cosa meravigliosa, Emy...

      Elimina
  3. Che tristezza mi fanno le tue parole...
    Condividere la vita con una sorella è una cosa che ti arricchisce più di qualsiasi altro rapporto, più di ogni altra esperienza. Ma chi non lo ha provato mai non può saperlo. E' povero di una povertà che non conosce. E' come un cieco dalla nascita che non ha mai avuto la possibilità di apprezzare la bellezza del mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace che le mie parole ti facciano tristezza, io non sono esclusivamente per i figli unici, non sono del partito "UNO E' MEGLIO", sia chiaro.
      Se hai letto anche qualche mia risposta ai commenti precedenti, potresti vedere che considero l'avere un fratello/sorella un preziosissimo dono, un miracolo in terra. Tutto questo, senza averli avuti.
      Quello che dico è che mi sono rotta A) di spiegare a la qualunque perchè non ho un secondo figlio (al momento, poi) B) di sentire che i figli unici siano una brutta razza e soprattutto frutto dell'egoismo dei genitori.
      Non sono egoista, sono realista. Al momento non mi sento ancora pronta e non posso mettere al mondo un'altra creatura solo per paura che il mio primogenito rimanga solo.
      Vedo tantissime mamme fare un secondo figlio, poche convinte, e pentirsi. Ne ascolto tante dirmi " se tornassi indietro, non lo farei". Ecco, io mi prendo di diritto di essere solo più convinta nel momento in cui dovessi fare quel passo. Tutto qui.
      Scegliere di mettere al mondo più figli, così come non farlo o metterne al mondo uno solo è una scelta personale, intima. Merita comunque rispetto.
      E la cecità e la povertà, dammi retta, lasciamole agli atri.
      Un abbraccio e grazie per il tuo commento.

      Elimina
  4. Ma perchè la gente non si fa mai una padellata di fatti suoi???????? Neanche a Natale!!!!!!!!
    A volte dovremo essere più abili a "sviare" le domande, tanto chi fa domande simili non ascolta neanche la risposta. Le fa solo per dare fiato alla bocca! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ciao! Grazie per essere passata a dirmi la tua, come stai??
      Hai ragione: dovremmo essere più brave a sviare e a non rimanerci male. Non tutti possono capirci, comprenderci e molti -come notavi- non si sforzano nemmeno di farlo.
      Comunque, il fatto che la gente si debba fare una bella padellata di fatti suoi rimane il summa di tutto!
      Un bacio!

      Elimina
  5. Io ho deciso di lasciare la mia figlia unica perchè meglio figlia unica di una mamma serena che nel tempo libero da lavoro si dedica totalmente a lei che sorella che ha una mamma sclerata che non riesce neanche a portare i figli al mare da sola perchè mentre ne guardi uno l'altro rischia di affogare.e non sono figlia unica...e amo mio fratello tantissimo...e poi il rapporto di coppia si rafforza se non si è stressati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lara, benvenuta innazitutto!
      Grazie per il tuo commento che, no immagini quanto, mi rincuora.
      Io non so se mio figlio rimarrà davvero unico, però posso dirti che io lo sono e sono stata una figlia unica felice. Insomma, non è detto che si debba essere per forza figli unici soli e tristi e fratelli felici e compagnoni. Ne ho visto di ogni.
      Inoltre, come dici tu, è una scelta personale e, come tale, va rispettata a prescindere. Io seguo il tuo stesso pensiero, soprattutto sul rapporto di coppia che si rafforza se non si è stressati.
      Grazie davvero per le tue parole!
      Un abbraccio!

      Elimina

Non potendoci mettere la tua faccia, mettici almeno la tua firma. Grazie!


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...