martedì 21 gennaio 2014

VITA

Sono giorni di lavoro furente.
Esco la mattina prestissimo, rientro tardi. Stanca, a tratti confusa, ma anche soddisfatta (per ora). 

Ci sono momenti che vorrei tornare indietro. 
Quando avevo mio figlio di pochi mesi e la mia vita era tutta un bailamme di pannolini, cacche, moccioli, notti insonni (ma anche coccole e tenerezze varie), agognavo a riprendere in mano la mia esistenza, a lavorare. Ora che lavoro guardo le mamme con le carrozzine e penso "bei tempi". Per fortuna rinsavisco in fretta. :)

Ci sono momenti in cui vorrei avere la vita di Belen (anche il fondoschiena, a dire il vero) che si alza la mattina alle 11, si fa la sua santa palestra (mammamiacomemi mancamuoverelemiepartimollisemprepiùmolli), se ne va in vacanza mesi interi in posti da urlo e c'ha sempre il conto in banca in attivo (almeno, questa è la mia visione della vita di Belen, o chi per lei). 
Ehm, no. Qui ancora non sono rinsavita.

Ci sono momenti in cui mi alzo già stanca, priva di qualsiasi slancio. Poi guardi il primo cielo del mattino della tua città ed il suo rosa ti lascia senza fiato. Se ci metti un po' di impegno, senti perfino il verso dei gabbiani in cielo "che fanno subito mare". Riesci allora a vedere tutto in modo diverso e ti accorgi che l'orchidea è sbocciata.

Come stai sbocciando tu, in questa VITA che è sempre piena di intoppi, problemi, casini, rotture, scleri perenni, incontri mancati, appuntamenti rimandati, ma anche piene di sorprese. Bellissime sorprese. 




Speriamo che la prossima sia un abbonamento in palestra o un ciclo di lezioni di danza. Il mio derrière urge trattamento d'urto.

Nessun commento:

Posta un commento

Non potendoci mettere la tua faccia, mettici almeno la tua firma. Grazie!


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...