mercoledì 7 novembre 2012

Sono metereopatica, o forse no

Io lo sapevo.
Lo sapevo che nunjapotevofà.

Ci ho sperato, mi sono fatta in quattro per creare progetti e cose da fare: ore in più di lavoro, un blog da curare, crafting col nano, cucina consapevole, acquisti intelligenti e roba simile. Ma non posso.

Non riesco ad accettare che alle 17 sia già buio; i miei occhi si ribellano all'oscurità, la mia mente rifiuta quest'ora in più che, per me, si trasforma in un'ora in  meno. Sessanta minuti di vita e di luce persi.  

Ma questo è nulla.
Dovreste vedere come vado in giro.
Già di mio, la mattina faccio fatica a scegliere i miei improbabili outfit, se poi ci mettete che dormo male e mi sveglio con una voglia di vestirmi ai minimi registrati, avrete il quadro di una sorta de gattara de Noantri. Cioè me.

E poi l'umore, 'sto cacchio de umore. Non è che balli, no. Sta sempre fermo. Sull'incazzato, apatico andante. L'unica cosa certa ed immutabile di tutta questa storia.

Chi mi conosce e mi ama, afferma con certezza che io sia una meteropatica patologica.
Chi non mi conosce, e finisce col non sopportare questi miei patetici sbalzi d'umore, afferma con certezza che io sia una sociopatica seriale con atteggiamenti bipolari in coincidenza delle stagioni.

Ai posteri l'ardua sentenza.

PS. Ovviamente, se avete rimedi, dalla fitoterapia alla cannabis, CONDIVIDETELI!!!

Nessun commento:

Posta un commento

Non potendoci mettere la tua faccia, mettici almeno la tua firma. Grazie!


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...