martedì 12 marzo 2013

Serate

Un tempo le mie serate vedevano lunghe maratone davanti alla TV o graziose pellicole in DVD;
contemplavano lunghe ore di sonno;
prevedevano una giusta dose di coccole (& tutto ciò che ne segue);
ospitavano i più grandi autori del mondo, che rivivevano attraverso le pagine dei libri.

Oggi le mie serate sono così:


E se non sto attenta, anche così:


Proprio ieri riflettevo sul fatto che, anche se mi sento sempre svuotata a livello di energie, in effetti la maternità mi ha dato una marcia in più ed oggi faccio molte più cose rispetto a prima del bimbo.
Sono diventata una sorta di "macchina da guerra": sempre all'erta, pronta a scattare al primo richiamo, a curare al primo malanno, a tranquillizzare al primo incubo, a consolare al primo capriccio. 
Sono cresciuta, insomma...

Però, non lo dite a nessuno, ci sono giorni che non immaginate quanto vorrei tornare ad essere la fancazzista di un tempo!

PS: Grazie per i vostri pensieri di ieri. Con il nano abbiamo fatto una visita medica importante che sembra essere andata molto meglio del previsto. Merito anche del vostro affetto!

2 commenti:

  1. Felice che sia andato tutto bene! è banalissimo, ma alla fine è quello che più conta.
    sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Sara!
      Quanto hai ragione: alla fine è proprio quello che conta.
      Bacio!

      Elimina

Non potendoci mettere la tua faccia, mettici almeno la tua firma. Grazie!


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...