venerdì 8 febbraio 2013

Del romanticismo

Qualche sera fa hanno dato per la millesima volta in TV il film TITANIC.
Di Caprio era un pupo molto anni novanta, con tanto di ciuffo platinato e sopracciglia sfoltite, la Winslet appariva una pagnotella dagli improbabili capelli rossi mascherata da gran signora dei primi Novecento.

A parte questo, il film è bellissimo, per carità.
Ben ricostruito, per carità.
Costato quanto il PIL del Burundi, per carità.
Però ecco, più lo guardo più mi sembra irreale e stucchevole.

Tipo quella scena madre in cui, non essendoci abbastanza scialuppe, solo uno di loro può mettersi in salvo. Rose, dopo essersi abbracciata e aver lasciato sulla faccia di Jack un litro di lacrime e mocciolo, decide di salirci.
La barchetta della speranza cala, scende verso le gelide acque e a lei, scorgendo lo sguardo disperato di Jack, je parte la brocca e si butta verso la nave. Cioè manco fosse spiderman. Ovviamente la scena riesce perfettamente, come se lei al posto delle mani avesse due ventose...

E' in questa scena che è partito il dialogo più surreale a cui io abbia mai preso parte.

Io: "Se vabbè, ma te pare che quella si ributtava sulla nave in affondo"
Lui (serissimo): "Sì, perchè no? In fondo, che senso ha vivere se stai per perdere chi ami?"
Io: "Ho capito, ma se lo amava così tanto perchè ci è salita, su 'sta scialuppa?"
Lui: "Perchè magari era davvero convinta che lui ne avrebbe trovata un'altra su cui salpare. Magari ci ha voluto credere, lì per lì, per darsi speranza. Poi però, una volta sopra, si è resa conto che non sarebbe stato possibile, che era solo un'illusione e si è ributtata a capofitto sulla nave. Anche se poteva morire".
Io: silenzio
Lui, dando la stilettata finale: "Sai, io lo farei per te".

Ora, a me sembra tanto che i ruoli si siano invertiti.
Lui, romantico ed estremamente passionale.
Io, cinica e pragmatica.

Per carità, non c'è nulla di male. 
Solo, ditemi che di questo passo non arriverò ad avere peli sul petto, a bere birra con rutto libero ed appassionarmi per una partita alla PS3 che sennò mi vado subito a fare i boccoli e, dato che siamo a Carnevale, mi travesto da Principessa Sissi.

Perchè va bene la parità dei sessi, ma ecco ereditare per osmosi il "pragmatismo sentimentale" dei maschi, MA ANCHE NO.

2 commenti:

  1. stima per lui...io ultimamente sono così ehehe
    prima ero una stronxa da paura ;)

    tesoro sciogliti un po' hahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emy, welcome Back!
      Come stai?
      Hai ragione, devo sciogliermi, porca miseria!
      baci e buon WE!

      Elimina

Non potendoci mettere la tua faccia, mettici almeno la tua firma. Grazie!


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...